EP:

Conservare gli alimenti in frigo nel modo giusto: ecco come si fa.


Le uova nel vano apposito, le verdure nel ripiano in basso, organizzare il frigorifero è una cosa che richiede molta attenzione se si vogliono proteggere gli alimenti dalle muffe oppure il frigo dai batteri. Le verdure vanno messe in frigo? Bisogna sfatare alcuni miti.

Carote congelate, pomodori marci e muffa sul formaggio non sono causati da un processo naturale bensì sono il risultato di un’errata organizzazione. Ma quindi cosa va in frigorifero e cosa no? E dove vanno conservati gli alimenti?

Qual è la temperatura ottimale?

Non c’è una risposta giusta o sbagliata, tuttavia la temperatura ottimale di un frigorifero si aggira fra i 4 gli 8°C. Se il frigorifero è troppo caldo gli alimenti potrebbero andare a male più in fretta. Al contrario, se il frigo è troppo freddo il cibo si congelerà.

Cosa deve essere conservato dove?

1. Dato che l’aria calda tende verso l’alto e l’aria fredda verso il basso, i ripiani superiori sono sempre un po‘ più caldi rispetto a quelli inferiori. Per questo è consigliabile riporre sui ripiani superiori tutti i prodotti meno deperibili come salse e confetture.

2. Il ripiano immediatamente successivo è adatto a prodotti caseari come formaggio fresco, yogurt, quark e formaggio spalmabile.

3. Se il frigo offre abbastanza spazio, il terzo ripiano dall’alto è particolarmente indicato per i cibi pronti.

4. Il ripiano inferiore, ovvero quello più in basso prima del cassettone delle verdure, è perfetto per la carne, il pasce e i formaggi a pasta dura dato che la temperatura non è né troppo alta né troppo bassa.

5. In fondo al frigo c’è un cassettone in cui andranno riposti frutta e verdura. Ma anche per questo scomparto c’è qualcosa da sapere, infatti non tutta la frutta o la verdura può essere conservata a lungo in frigorifero.

6. Uova, burro, lievito e tubetti vengono riposti negli appositi scomparti nella porta del frigo. I ripiani più bassi della porta del frigo servono a riporre bevande e latte.

Cosa va in frigorifero?

Tra gli alimenti che possono essere riposti senza problemi in frigorifero ci sono frutti come le albicocche, frutti di bosco, fichi e uva. Tra le verdure che possono essere conservate in frigorifero ci sono carciofi, verdure a foglia, broccoli, cavoli, porri, carote, funghi, lattuga, spinaci, radicchio, rafano, asparagi ed erbe (tranne il basilico).

Cosa non va in frigorifero?

Latte, pesce, uova, carne e würstel sono tutti alimenti facilmente deperibili, per questo devono essere riposti in frigo subito dopo l’acquisto.

Tuttavia, pomodori, cetrioli, peperoni e frutti tropicali come le banane non vanno conservati in frigorifero. Questi prodotti possono essere conservati in una ciotola oppure un cestino a temperatura ambiente. La frutta inoltre non va esposta eccessivamente al sole per evitare di accelerare il processo di maturazione e alternarne il gusto.

Le patate vanno conservate al buio per evitare che si colorino di verde e diventino velenose. Inoltre, bisognerà conservarle in un luogo asciutto per impedire che sviluppino protuberanze o che avvizziscano. Per conservarle al meglio si può ricorrere a sacchi di tela oppure a ceste di legno.

Un contenitore di terracotta si presta bene per conservare aglio e cipolla perché evita la formazione di umidità o muffe.

In generale il supermercato offre un buon esempio di organizzazione, tuttavia è importante riporre gli alimenti in frigo solo se ben sigillati per evitare che si secchino, che il loro sapore resti alterato e che si formino muffe.

Non ingombrare

Il frigorifero non deve essere riempito troppo per permettere all’aria di circolare. Se gli alimenti vengono spinti troppo verso la parete del frigo, finiranno per congelare, cosa altrettanto spiacevole. Per questo si consiglia di acquistare in quantità limitate e, specialmente in estate, è preferibile acquistare cibi delicati solo se si sa che verranno consumati in breve tempo.

Igiene e pulizia

Anzitutto: prima di pulire il frigorifero con dell’acqua bisognerà scollegare l’elettrodomestico dalla rete di alimentazione per evitare cortocircuiti o altri incidenti. La pulizia del frigorifero andrebbe eseguita una volta al mese per lo meno per prevenire la formazione di germi. Per la pulizia non serve molto. Nei supermercati è possibile trovare molti prodotti speciali per la pulizia ma anche dell’acqua tiepida con un po‘ d’aceto può bastare per disinfettare il frigo.  La cosa importante però è Tuttavia, è particolarmente importante risciacquare correttamente i vassoi e i vani dopo un breve periodo di contatto e asciugare bene in modo da evitare la formazione di umidità o ghiaccio. Per risparmiare energia, ricordarsi anche di sbrinare il freezer una o due volte all'anno.

Sorpreso? Hai già controllato l'aspetto del tuo frigorifero? Anche noi ci siamo sorpresi. Allora buon divertimento con la riorganizzazione del firgo e se pensi di non avere abbastanza spazio: visita il nostro negozio on-line o uno dei nostri negozi specializzati, con una vasta selezione di frigoriferi favorevoli ed efficienti dal punto di vista energetico.